Laura Sacchini
Terapista - Channeler - Scrittrice

Corsi di crescita personale e formazione professionale.
Sedute individuali di Terapia cognitivo-comportamentale. Consulente di immagine.

MantraMahori nasce con l'intento di sostenere chi sceglie di camminare libero da paure e costrizioni sociali. Con l'Amore. Null'altro.

venerdì 31 agosto 2012

La Via Maestra..


La Via Maestra non è la Via Terrena
Il Maestro sei Tu

Perché non capiamo, a volte, il cammino che c’è stato indicato?
Perché non guardiamo oltre, mentre invece abbiamo così fretta di scivolare via, dentro le responsabilità materiali e terrene?
Lo scambio di reciprocità cosmico è in atto: abbiamo sete di guarirci e guarire le nostre ferite perse in guerre lontane. Abbiamo fame dell’amore di un frutto diverso e totalmente lontano da qui, che è l’illusione terrena.
Il nostro occhio interiore vuole vedere, la nostra anima destarsi e gridare il proprio Essere, la vera essenza.
Ci sono Mani che giocano qui con me e mi chiedono calma, lentezza nei movimenti sacri..
Il fiorire dell’Amore è dentro ogni nostra cellula, siamo pronti a progredire, a disfarci delle armi del passato, delle lotte e del dolore; oramai, il sangue che si riversa, non è più il nostro.
Siamo Angeli d’amore, siamo Guerrieri di Pace in questi tempi ancora acerbi.
Tutta la tristezza è una valigia chiusa di un passato che più non esiste.
A Voi,
Laura

giovedì 30 agosto 2012

La Viaggiatrice..


 La Viandante..o la Viaggiatrice..

Seguo le onde del mare, ascolto il suono del vento e mi preparo a questo nuovo inizio.
Dietro la collina, l’alba, il sorgere di un sole maestoso e capace di restituirmi saggezza e umiltà nel e con il quale apprendere questa storia di donna e di vita.
Racconto di me, delle mie fatiche, dei miei giorni e dei miei sorrisi, dei miei occhi e di ciò che vedo e che ascolto.
Sorrido di me e dell’apatia, della nebbiolina fresca di giorno nuovo che mi tocca.
Vado avanti.

Perlustro con l’anima la nuova coinquilina.
Sorrido di me e delle mie voracità nell’inghiottire sobria parte di questo evento straordinario che è la vita.  Sorrido dei miei giorni e delle mie vittorie, delle mie case senza dimora e di questa viandante che è ancora in me, dentro me.
Spero un giorno di fermarmi e guardare l’arcobaleno senza sfuggirgli ancora.
Spero ancora di toccare il mare, quando sarò grande, come lo faccio ora e ancora di più.
Spero sempre di incontrare  un nuovo mattino, un battito di cuore ancora leggero e quella mano sulla mia spalla che mi dice: è ora di andare.

L’eterno sia in te, Mahori.

mercoledì 29 agosto 2012

Il libro del Cuore..




IL LIBRO DEL CUORE

Scrivere un libro su se stessi, con la propria storia tra le dita delle mani, forse non è poi così semplice.  Ma semplice può diventarlo quando non si pensa alle parole e si incomincia a battere sui tasti e lasciare che poi le frasi si compongano.

Sono nata bambina ma sono cresciuta in fretta.
 La vita è stata una raffica continua di insegnamenti, di processi di cambiamenti a volte forti, altre rapidi.  Mi sono adattata in fretta al percorso che vedevo davanti.
 Non ho conosciuto persone propriamente amorevoli.
Forse non mi è così piaciuta la mia adolescenza.

Sono diventata donna ora  e mi guardo ancora come una ragazza, non temo l’età.
Ho molte cose da imparare, da leggere, da scoprire con i miei occhi.
Ho molta fame di vita vera: quella che mi mancava quando ero ragazzina e quella che non volevo vivere quando sentivo la fatica nel crescere.

Sono cresciuta con me stessa, tra le mie mani e con i giochi dei miei occhi. Volevo guardare, sognare e raccontare  a qualcuno che mi sapesse ascoltare.
Non credevo nella famiglia: sentivo di non avere appartenenza.

Il lungo viaggio di un eroe è davanti al proprio candore, quando sa di non essere ascoltato e sa di essere concepito con la fretta per risolvere drammi, errori, guai di adulti egoisti.
La vita per loro non cambia, non si evolve in una sola notte. Loro contemplano il sereno di una giornata ed il tramonto di un’altra soltanto davanti ad occhi arrugginiti.

Non sanno cos’è il profumo dell’amore, quello delle notti infuocate e dei risvegli senza fiato.
Molta gente non conosce le risorse del cuore: è soltanto un organo per loro da tenere in movimento.

Quante volte ho desiderato che il mio si fermasse quando non conoscevo la felicità della vita in sé ma cercavo il mio benessere in un’altra dimensione, da un’altra parte, in un’altra stanza.
C’era qualcosa di misterioso, di affaticante che mi portava con sé, avrei desiderato andarmene di là senza rientrare.

Poi mi risveglio come da un lungo sonno e mi ridesto.
Mi accorgo che sono rientrata in me stessa, in me, la mia essenza, reintegrata in me insomma, tornata a casa!

Il lavoro su se stessi è un gran bel cammino: a volte è una scampagnata, a volte una turbolenza.
L’importante è la meta anzi il viaggio direi!
Giunta alla meta, ne ricerco un’altra, un’altra soglia da attraversare e un nuovo spazio aperto dove guardare e scegliere la direzione..

Ma la vera estasi è il viaggio.

Esso non mi chiede mai quale direzione prendere, aspetta che sia io a fare il primo passo, ad ascoltare il vento per poi scegliere di andare..
La vita è breve, qualcuno dice, per me no. Per me è lunghissima, eterna e senza spazi di ristagno.

La vita è ciò che scegliamo di aggiustare o di rompere degli schemi collettivi: io scelgo di rompere e..molto, a volte!

Ora la comprendo, la catturo e ne faccio miei i movimenti che mi propone, ne sento il gusto, il sapore e non mi addormento mai sola, isolata dal pensiero di essere abbandonata, mai, questo mai.

La vita è un frammento di immagini così sottili che ci lasciano intravedere solo la bellezza dei momenti passati a vincere le sfide, le fatiche che presto si trasformano in piccoli trofei e in giganti passi avanti di noi stessi.

Scelgo di festeggiare ogni evento, di vivere la vita in vacanza ogni istante, di renderlo eterno e sacro e vivo perché io sono viva questa volta.

Scelgo me stessa senza compromessi. Non è nelle mie pagine di questo libro di vita, il compromesso.

La libertà è il dono grande che ho ricevuto e che ricevo tutt’ora. Nessuna radice, nessun stop alle mie fermate.
Voglio camminare libera ora.
Voglio dimenticare l’enorme sguardo di rinuncia degli altri, il loro disaccordo in quello che faccio e che porto avanti; io sono io, me stessa.

L’oro prezioso per ognuno di noi.

Siamo noi stessi, senza confini.

La mano va avanti, scrive e batte ancora forte su questi tasti. Non si ferma se non c’è il silenzio di Loro.
Loro sono con me, ancora e ancora. All’infinito.

Nessuno  può fermare il canto dell’amore poiché è la radice che c’è in tutti noi.
E’ nato con noi e con noi cresce e si espande o si addormenta.

Laura





lunedì 27 agosto 2012

Direttive Cosmiche..






              Guarda e osserva intatta la natura:
        essa non subisce attaccamenti terreni ma si plasma al suo candore e al suo      destino. Così per le persone: loro non accettano troppo facilmente le nuove direttive cosmiche e così subiscono gli attaccamenti della terra e restano legati con catene pesanti al loro passato.Proprio così ci si ferisce, restando immobili quando invece è il tempo di andare e modificare la propria rotta.Il destino a volte ha un linguaggio così perfetto nella sua semplicità che resta incredulo e stagnate agli occhi del Popolo della Terra; “si fa presto a dire basta” loro direbbero, ma non sanno quale antico segreto nasconde il Forte Cambiamento ora.
 C’è bisogno di destarsi Ora!
Namastè